aprile 7, 2012 lucaonori

Stop alla barbarie degli agnelli La campagna dell’imprenditore

agnelliPistoia, 7 aprile 2012 – DA SETTIMANE promuove sui giornali, anche il nostro, una campagna di sensibilizzazione animalista in occasione della Pasqua e della tradizione culinaria dell’abbacchio, ispirandosi anche alla presa di posizione del professor Umberto Veronesi che invitava, e invita ancora, dal suo sito, a fermare «la barbarie degli agnellini sgozzati».

Luca Onori, laureato in scienze politiche, ma da sempre imprenditore del caffè che si divide tra Pistoia (Torrefazione New York in viale Adua) e la Valdinievole (Caffè New York in Corso Roma a Montecatini), è anche fotografo, ma la sua grande passione sono gli animali, per i quali profonde molte delle sue energie.

«Per piacere non mangiateci!» è l’appello sotto l’immagine dell’agnellino scannato e sotto ancora si legge una frase raccolta da un trasportatore pentito: «Piangono come bambini quando sentono che li uccidono».
Abbiamo chiesto a Luca Onori di parlarci di questa sua particolare iniziativa.

«IL MIO IMPEGNO — ci ha detto l’imprenditore — nasce negli anni, perché gli agnelli mi fanno tenerezza e sono come i bambini accanto alla madre. Ora, nel periodo pasquale, ho provato a scendere in campo per la difesa degli agnelli, ma sono sempre stato dalla parte di tutti gli animali. In modo particolare, questo mio tentativo, è scaturito dopo avere assistito, a Capo Verde, dove mi reco per esplorazioni e fotografie, a episodi in cui questi piccoli animali vengono sgozzati tra atroci sofferenze. Al di là dell’impegno a favore degli agnelli, devo spendere una parola in generale a favore degli animali, che sono molto intelligenti».

L’obiettivo di Luca Onori è comunque più ampio rispetto alla campagna che ha intrapreso in questo periodo pasquale.
«E’ quello infatti — ci spiega — di sensibilizzare le persone a creare una catena solidale a difesa della natura ingenere. Io cerco sempre di dare qualcosa agli altri, uomini e animali che siano. So per certo che la natura è crudele, ma gli uomini possiedono la dote di poterli aiutare e difendere, un impegno che porto avanti da anni anche in difesa del canile Hermada, e rinnovo la preghiera che possa essere costruito il canile consortile sempre promesso e mai realizzato, dove questi poveri animali possano vivere meglio».
«L’appello per gli agnelli — conclude Luca — mi è venuto dal cuore e non mi attendevo i numerosi riscontri in positivo che ho ricevuto».

                                                                                                               Lucia Agati
Faustina Tori

Tratto da La Nazione – Pistoia – 07/04/2012 – Stop alla barbarie degli agnelli La campagna dell’imprenditore

Tagged: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INVIAMI UN MESSAGGIO

Contattami se hai visto qualche foto che ti piace, e ti va di acquistarne una copia, o per richiedere informazioni sulla mia attività di fotografo.